giovedì 6 febbraio 2014

Stan Getz - Munich Philharmonic Hall 1990 (video)

Questo concerto, registrato alla Munich Philharmonic Hall, il 18 luglio 1990 è considerato l'ultimo registrato di Stan Getz, prima della sua morte, avvenuta il 6 giugno del 1991. La formazione del concerto era composta da Stan Getz (sax tenore), Kenny Barron (piano), Alex Blake (basso), Terri Lyne Carrington (batteria), Eddie Del Barrio, Frank Zottoli (synthesizer).


Stan Getz stava avendo un'estate piuttosto eccezionale del 1990, quando questa performance ebbe luogo presso la Sala Filarmonica di Monaco, in Germania. 
Aveva recuperato con successo dalla rimozione di un tumore maligno e sembrava che il susseguente cancro al fegato stesse cominciando a calare grazie ad una rigorosa dieta macrobiotica. Era sobrio da cinque anni, aveva un nuovo amore nella sua vita e, sopratutto, i suoi passaggi al sax erano ancora intatti. 
Ascoltando questo concerto, da cui è stato tratto un album doppio, si può quasi sentire l'esuberanza che un Getz rivitalizzato, sentiva in questi momenti. Era in buona forma ed il suo caratteristico lirismo non era diminuito dai suoi 63 anni autodistruttivi nel mondo del jazz. 
Ma mentre questo risulta un meraviglioso addio ad un gigante del jazz, questo ultimo concerto registrato non sembra affatto una retrospettiva sulla carriera di Stan Getz. 
Il pianista Kenny Barron ha suonato con Getz in molte dei suoi ultimi giorni e qui suona magnificamente. I suoi duetti acustici con Getz su brani come "Lonely Lady" e "Voyage" sono superbi C'è una pulizia da studio durante l'intero concerto, che permette di ascoltare in tutta la sua pienezza la tonalità e lo swing melodico di Stan Getz su pezzi come "Soul Eyes", "Yours And Mine" e la composizione di Billy Strayhorn "Blood Count". 
Ma il fresco fuoco dell'assolo di Getz su "What Is This Thing Called Love?" è il miglior indicatore di quanto Getz aveva ancora da offrire quando il cancro alla fine lo consumò nel giugno del 1991.

Ecco il video del concerto

Nessun commento:

Posta un commento