giovedì 9 gennaio 2014

Nicola Gaeta - Bam, il jazz oggi a New York

Un percorso nella nuova scena del jazz newyorchese, raccontata dai suoi protagonisti, alla ricerca del significato del termine BAM (Black American Music) con il quale alcuni musicisti afroamericani hanno proposto di ridefinire il jazz, per recuperarne le radici e distinguerlo dal mainstream e da suoni e tradizioni che con questa musica non hanno nulla a che fare.


Con interviste ai più importanti musicisti che operano a New York e schede dei maggiori jazz-club della Big Apple, questo libro guida il lettore fra le strade di una città in perenne mutamento, in un viaggio che è possibile intraprendere anche restando comodamente seduti.
«Nicola Gaeta è uno di quei rari inviati che ascoltano, osservano, chiedono, e riascoltano, prima di scrivere. Il suo libro è un’analisi brillante e accurata di New York City e della sua scena jazz, oggi: un’istantanea ad alta risoluzione, ricca di sfumature colorite, particolari divertenti e osservazioni che tutti gli amanti della musica – italiani, americani e d’ogni dove – apprezzeranno.
Consiglierei a chiunque suoni o faccia parte di questo mondo di leggerlo, fosse solo per condividere lo spirito dell’avventura che Gaeta trasmette. Infine, l’autore si mostra per quello che è: un vero amante del jazz, con occhi e orecchie ben aperte, anche quando annota le sue osservazioni. Nel campo del giornalismo musicale, non si può chiedere di meglio.», Ashley Kahn.
L'ebook di BAM integra il libro cartaceo riportando tutte le interviste complete ai numerosi musicisti intervistati. L'ebook porta il titolo di ""BAM. Le interviste"" ed ha la prefazione di Luca Conti (direttore di Musica Jazz).
Nicola Gaeta, medico, critico musicale, conduttore radiofonico, ha maturato una lunga esperienza da deejay nei club e nelle radio tra gli anni Settanta e i Novanta. 
Collaboratore di testate quotidiane e specializzate, tra le quali il «Corriere del Mezzogiorno», «Jazz Magazine» e «Musica Jazz», è stato inviato presso i più importanti festival nazionali e internazionali, da Roccella Jonica a Umbria Jazz, dal Montreux Jazz Festival al North Sea Jazz Festival. 
È autore di Una preghiera tra due bicchieri di gin – Il jazz italiano si racconta. Attualmente collabora con «Musica Jazz» dove scrive per una rubrica che si chiama Groove.

2 commenti:

  1. Molto interessante, ci faccio un pensierino serio. Un libro che non parla dei soliti noti, finalmente.

    RispondiElimina
  2. Si, infatti. Sul e-book, che si può acquistare a questo link (http://www.flows.tv/store/books/content/43%7C54f9c3d34262fdff014265663cab0001?channel=43) ad un prezzo risibile, ci sono una serie di interviste a molti degli attuali protagonisti del jazz nero.

    RispondiElimina