mercoledì 8 gennaio 2014

Blue Note Milano: tutti gli appuntamenti di gennaio

Il Blue Note di Milano (Via Borsieri, 37), l’unica sede europea dello storico jazz club di New York, inaugura il 2014 con una ricca programmazione all’insegna della grande musica live. 


In scena, presentazioni di nuovi progetti discografici di nomi consolidati e giovani promesse del panorama italiano e leggende della scena internazionale, jazz e non solo.
Nel mese di gennaio il Blue Note di Milano ospiterà: Tania Maria, l’indiscussa regina della nuova musica brasiliana (10 e 11 gennaio); il batterista Fabio Accardi, che presenta il suo nuovo lavoro discografico (12 gennaio); il quintetto vocale degli Alti e Bassi (14 gennaio); i Quintorigo, con il loro nuovo progetto dedicato a Jimi Hendrix (15 gennaio); il ritorno del “crooner” italiano Matteo Brancaleoni (16 gennaio); l’eclettico Luca Jurman, che presenterà il suo nuovo progetto discografico (17 gennaio); l’istrionico Paolo Belli accompagnato dalla sua Big Band (18 gennaio); l’atteso ritorno dei CopaRoom, con un nuovo spettacolo ad alta energia (19 gennaio); la nuova promessa del cantautorato italiano e prossimo partecipante al Festival di Sanremo, Renzo Rubino (21 gennaio); la magica voce di Diane Schuur (dal 23 al 25 gennaio); la prima tappa del tour europeo di Fabio Zeppetella con il suo American Quartet (26 gennaio); l’originale Claudia Cantisani, accompagnata da una band di notevoli musicisti (28 gennaio); Antonella Ruggiero, in un inedito spettacolo con l’Ensemble Hyperion all’insegna del tango (29 gennaio) e la leggenda della batteria, Billy Cobham (dal 30 all’1 febbraio). 
Il jazz club milanese ospiterà questo mese anche un evento speciale, il concerto di Chiara, nuova promessa della musica italiana (produzione Live Nation – 22 gennaio).
(Fonte Varese News)

Mi spiace notare che il programma, tranne alcune rare eccezioni, non è certo esaltante; sicuramente non all'altezza di quella che si pregia di essere "l’unica sede europea dello storico jazz club di New York".

Nessun commento:

Posta un commento