mercoledì 8 gennaio 2014

Alexis Cuadrado - A Lorca Soundscape

Molto prima che termini come "uno percento" e "Occupy" entrassero nel nostro vernacolo attuale, il grande drammaturgo e poeta spagnolo Federico García Lorca, scrisse, alla fine degli anni '30, sulla disuguaglianza a cui assistette mentre era a New York City. Il nuovo album del bassista e compositore Alexis Cuadrado, A Lorca Soundscape, riflette sul libro di Federico Garcia Lorca del 1930 "Poeta en Nueva York" con una serie di brani jazz che usano la poesia come testi. 


Lorca che visse a New York per qualche mese tra il 1929-1930, scrisse una serie di poesie accorate, che riflettono sullo shock culturale e di solitudine che visse al momento.
Il libro è una forte critica sociale, che si ricollega a temi che sono ancora parte importante della realtà americana di oggi, tra cui le disuguaglianze economiche, la discriminazione razziale, sociale e la brutalità del paesaggio urbano. 
"Poeta en Nueva York" si connette profondamente con il clima socio-economico attuale, con il movimento Occupy ed il malcontento della popolazione generale su come funziona il nostro sistema e la musica di Cuadrado, a sua volta, è una riflessione contemporanea sui temi e sul paesaggio urbano di Lorca.
A Lorca Soundscape, che presenta un nuovo ciclo di canzoni di protesta originali, tratte dalla poesia di Lorca, è stato pubblicato per la Sunnyside Records lo scorso 24 settembre. 
"In un momento come quello che stiamo vivendo ora, con la crisi economica mondiale e movimenti come Occupy Wall Street, ritornare a "Poeta en Nueva York" è il mio modo di esprimere una protesta. Anche se il libro è stato scritto 80 anni fa, mi sconcerta vedere come la disuguaglianza, il razzismo e l'ingiustizia che Lorca descrive, sono ancora presenti nel nostro racconto quotidiano. I personaggi possono essere cambiati, ma la trama è la stessa", dice Cuadrado.
Con una band d'eccezione, con Claudia Acuña, Miguel Zenón, Dan Tepfer, Mark Ferber e Gilmar Gomes, Cuadrado crea un dialogo innovativo attraverso il tempo, utilizzando un connubio unico di jazz, flamenco e nuova musica.
L'autore e critico letterario Melcion Mateu scrive nelle note di copertina dell'album: "Alexis Cuadrado è un artista alla ricerca di lirismo, un lirismo che funziona da contrasto necessario per la logica schizofrenica di una città malata e della società; come la voce che prevale contro il caos e l'ingiustizia, in modo che il suo messaggio sia ascoltato. Forse è per questo motivo che A Lorca Soundscape è un album chiaro e complesso allo stesso tempo: complessa come la città descritta da Lorca, mediante la sua accumulazione di immagini discordanti, i suoi ritmi e suoni; chiaro attraverso la pura forza delle sue parole.
In A Lorca Soundscape, i ritmi della città, che si muovono dallo swing al bolero, passando per flamenco e nuova musica, vivono insieme all'esigenza di esprimere il suo messaggio. E c'è sempre un'emozione, una "verità estatica", per dirla con le parole del regista Werner Herzog; parole che Cuadrado ripete spesso, che rivela immediatamente il momento in cui un individuo si riconosce, prima della agitazione della grande metropoli."

Ed ecco il video integrale del concerto di presentazione dell'album, registrato al 92Y Tribeca di New York:

Watch live streaming video from wbgo at livestream.com

Nessun commento:

Posta un commento