mercoledì 19 dicembre 2012

Marcio Rangel & Flavio Boltro a Torino e Asti

Lo straordinario duo composto da Marcio Rangel e Flavio Boltro saranno in concerto venerdì 21 al Folkclub di Torino e domenica 23 al Diavolo Rosso di Asti.


Marcio Rangel è uno straordinario chitarrista e compositore brasiliano. Mancino, come già prima di lui Jimi Hendrix, suona la chitarra "al contrario", utilizza cioè una normale chitarra da destri, suonandola rovesciata. 
Questa caratteristica, unita a un notevole talento, conferisce al suo suono una impronta unica, innovativa e irripetibile. Le sue composizioni originali sono di rara bellezza estetica e lirica, dotate di armonia e ritmi complessi e, allo stesso tempo melodicamente accessibili al primo ascolto. 
Il suo notevole eclettismo porta a un linguaggio chitarristico universale che, partendo dal suo Brasile abbraccia blues, jazz e flamenco, associando alla sua superba tecnica, una sensibilità non comune.
Come compositore segue il percorso di un Brasile in evoluzione, senza mai perderne le radici, la vera essenza e la fantasia. 
Il Brasile è una cultura composta di tradizioni musicali diverse, che ha assorbito nella sua storia l'influenza di varie culture: quelle dei neri, degli indios, degli europei. 
Un Brasile nel quale Rangel intraprende un viaggio attraverso le più svariate tradizioni musicali, per poi tornare di nuovo fresco e vivace in ogni sua composizione. 
E' stato considerato un talento tra i compositori e i chitarristi brasiliani dotato di personalità spontanea, energia e grandissima sensibilità.
Flavio Boltro è un musicista di assoluta grandezza ed eleganza. 
Ha segnato uno dei periodi più interessanti del jazz contemporaneo in Italia con illustri musicisti quali Roberto Gatto, Franco Cerri, Stefano di Battista, Stefano Bollani, Enrico Rava, Gino Paoli. 
La sua affermazione internazionale è sancita a Parigi,dove oggi vive, collaborando con artisti del jazz planetario quali Cedar Walton, Bob Berg, Don Cherry, Michel Petrucciani e Wynton Marsalis entrando nel novero dei trombettisti odierni di caratura mondiale.

Nessun commento:

Posta un commento