sabato 8 dicembre 2012

Bill Carrothers al Torrione di Ferrara

Lunedì 10 dicembre al Torrione San Giovanni di Ferrara, concerto per piano solo del grande Bill Carrothers.


Bill Carrothers uno di quei musicisti per i quali si può prendere l'aggettivo "fenomenale" senza paura di trovarsi contestati.
Per i colori più profondi del suo jazz, per le collaborazioni, per l'inesauribile inventiva, per la capacità di evocare tutta la storia del jazz in un assolo, Carrothers si difende gioiosamente dalle grandi metropoli americane continuando a mantenere la propria residenza nel suo adorato Minnesota. 
E' dal che, visita dopo visita, ha saputo sedurre la difficile New York, così come Parigi e, progressivamente, tutta l'Europa.
La sua discografia è costellata di progetti originali e intriganti tra i quali spiccano gli album di libere improvvisazioni sulla Guerra Civile Americana e sulla prima guerra mondiale. Ma Carrothers è sopratutto un eccellente pianista di ispirazione classica dal talento sorprendente, le cui splendide produzioni in trio o in solo mostrano una delicatezza e profondità di tocco in grado di creare sonorità eteree ma allo stesso tempo stimolanti.
Nato a Minneapolis nel 1964, Carrothers iniziò a suonare professionalmente il piano agli inizi anni '80, guadagnandosi ben presto una solida reputazione. Nei due decenni successivi ha suonato in molti dei più prestigiosi locali e teatri negli Stati Uniti, tra cui il Village Gate, il Knitting Factory e il Birdland a New York e il Blues Alley di Washington.
Inoltre è stato molto attivo in Europa sopratutto nei locali parigini, e partecipato a diversi festival tra cui il Jazz Festival di Nevers, dove ha condiviso il palco con la leggendaria Abbey Lincoln.
In questi stessi 20 anni, Carrothers, oltre ad avere una propria notevole attività dal vivo, ha suonato e registrato come sideman di grandi artisti, tra i quali Buddy DeFranco, Dave Douglas, Curtis Fuller, Tim Hagans, Billy Higgins, Lee Konitz, James Moody, Gary Peacock, Dewey Redman, Charlie Rouse, Terrell Stafford, Bill Stewart, Ira Sullivan, Toots Thielemans e Bennie Wallace.

Nessun commento:

Posta un commento