venerdì 29 giugno 2012

Trilok Gurtu & Tigran Hamasyan questa sera su Espace2

Questa sera l'emittente radiofonica svizzera Espace2 trasmetterà l'interessantissimo concerto del duo composto dal percussionista indiano Trilok Gurtu e del pianista armeno Tigran Hamasyan, registrato lo scorso 14 aprile al Cully Jazz Festival.


Trilok Gurtu, nato a Bombai il 30 Ottobre 1951 in una famiglia "musicale" indiana, dove suo nonno era un noto suonatore di sitar e sua madre Shobha Gurtu, una stella di canto classico, è considerato il più virtuoso percussionista al mondo. Gurtu ha sviluppato uno stile e un suono inconfondibili, fondendo la tecnica occidentale e quella indiana.
Trilok Gurtu è un ponte ideale fra la cultura orientale e quella occidentale, il cui collante è rappresentato da un’originale concezione ritmica con le radici ben salde nelle tradizioni dell’India e ramificazioni che inglobano elementi africani e jazzistici.
La sua carriera inizia negli anni '70 con un fuoriclasse del free jazz come il trombettista Don Cherry, poi lo troviamo al fianco di Ralph Towner con gli Oregon, del sassofonista Jan Garbarek ed infine entra stabilmente nella Mahavishnu Orchestra di John McLaughlin. Negli anni '90 diventa ormai un imprescindibile riferimento per gli amanti della world music, ma strizza continuamente l'occhio anche al jazz ed al pop grazie anche alle collaborazioni con artisti come Joe Zawinul, Bill Laswell, Pharoah Sanders, Pat Metheny, Gilberto Gil ed il nostro Ivano Fossati.
Nato nel 1987 a Gyumri, in Armenia, Tigran Hamasyan, fin dall’età di tre anni ha iniziato a suonare il pianoforte cercando a orecchio le canzoni dei Beatles, di Louis Armstrong, dei Led Zeppelin, Deep Purple e Queen. Ha studiato poi musica classica al liceo orientandosi però con decisione al jazz. 
Si è esibito per la prima volta nel 1998 al Festival Internazionale di Jazz di Yerevan. A 16 anni si trasferisce assieme ai suoi genitori a Los Angeles e contemporaneamente inizia anche a imporsi in una serie di concorsi pianistici, tra cui il Thelonious Monk International Jazz Piano Competition (primo premio) e Concorso Internazionale Martial Solal di Parigi (secondo posto). 
Iniziano anche i contatti con musicisti jazz come Alphonso Johnson e Alan Pasqua, e le collaborazioni assidue con il sassofonista Ben Wendel e il batterista Nate Wood. 
Lo stile di Tigran trova ispirazione nella musica popolare tradizionale armena così come nella poesia, ma guarda anche al moderno pianismo fusion e contaminato.

Clicca qui per ascoltare il concerto questa sera a partire dalle ore 22,40.

Nessun commento:

Posta un commento