sabato 19 maggio 2012

Roma - Tel Aviv Jazz Festival alla Casa del Jazz di Roma

La Casa del Jazz, sabato 19 maggio, presenterà: Roma-Tel Aviv Jazz Festival, con la direzione artistica di Michael Rosen e Shlomi Goldenberg, un evento “La Notte dei Musei” in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Culturali e per il Centro Storico di Roma Capitale e Zètema Progetto Cultura, con il supporto dell’Ambasciata Italiana a Tel Aviv, l'Istituto di Cultura Italiana a Tel Aviv e l'Ambasciata Israeliana a Roma, con ingresso libero.


Quest'anno vede la nascita di un nuovo jazz festival, caratterizzata dalla collaborazione di musicisti di popoli diversi, precisamente tra italiani ed Israeliani. 
Il festival è stato ideato dai due direttori artistici, entrambi sassofonisti, il primo, ben noto al pubblico romano, Michael Rosen, ed il secondo, Shlomi Goldenberg, figura di spicco della scena jazzistica Israeliana. 
I due sono diventati amici durante il loro periodo di studio alla Berklee School of Music alla fine degli anni 80, durante il quale si sono esibiti insieme nei locali più importanti di Boston, con la "Little Big Band" dello stesso Goldenberg, un gruppo che vedeva la partecipazione di nomi ormai famosissimi come il pianista Danilo Perez e il  contrabbassista Ben Street.  
La prima metà della prima edizione del Roma-Tel Aviv Jazz Festival ha avuto luogo a Tel Aviv a metà marzo del 2012. 
Sul parco della Casa del Jazz per Roma-Tel Aviv Jazz Festival: Shlomi Goldenberg, sax, Michael Rosen, sax, Rami Shuler, vibrafono, Elias Meiri, pianoforte, Luca Pirozzi, contrabbasso, Marco Valeri, batteria.
Il gruppo presenterà  composizioni originali e brani classici. La formazione annovera alcuni tra i migliori musicisti della scena romana, come lo stesso Rosen, Marco Valeri e Luca Pirozzi, virtuoso del contrabbasso. 
A loro si uniscono tre musicisti di spicco della vivace scena jazzistica di Tel Aviv: innanzitutto Shlomi Goldenberg, sassofonista/compositore  che ha collaborato con musicisti di rilievo internazionale come il contrabbassista Gary Peacock, e  i pianisti John Medeski e Thomas McKinley. 
Da non dimenticare anche Elias Meiri, uno dei pianisti più apprezzati in Israele, e Rami Shuler, un mago del vibrafono, che usa uno strumento unico, dotato di suoni elettronici interessantissimi.

Nessun commento:

Posta un commento