lunedì 28 maggio 2012

Novara Jazz 2012

Giunto alla nona edizione, ritorna Novara Jazz, un palcoscenico unico nel cuore di Novara per il grande jazz, l’improvvisazione, le sperimentazioni elettroniche e le contaminazioni tra le arti. Organizzata dall’Associazione Culturale Rest-Art, questa edizione si presenta dopo una lunga stagione winter, grande novità del 2011, che dall’autunno fino a oggi ha portato in città nomi quali Louis Moholo, Dave Liebman, Daniele Cavallanti e Tiziano Tononi, The Thing, Ken Vandermark e Ab Baars.

Come ogni anno, gli eventi si svolgeranno a Novara, con il ritrovato cortile del Broletto, cuore medievale della città appena restaurato, a ospitare i principali eventi serali, affiancato dalle storiche location degli Auditorium del Conservatorio Cantelli e dell’Istituto Musicale Brera. Mentre durante le giornate saranno invase dal festival le strade e le piazze della città, per poi spaziare in splendidi luoghi scelti in tutta la provincia che ospiteranno i concerti e gli eventi correlati previsti dal 31 Maggio al 10 Giugno, con una speciale anteprima il week-end precedente.
Si anticiperà in provincia venerdì 25 maggio con eventi quali la norvegese Mari Kvien Brunvoll ad Ameno, FMS Trio ad Oleggio, e il giorno dopo il festival torna a Novara con un grande concerto della Soulful Orchestra al Palasport, in occasione dei mondiali di Kendo in città, preceduto dal concerto di Stefano Ferrian’s Nutimbre per un originale Jazz&Beer al Croce di Malto di Trecate. Domenica 28 il tour di “jazz&” si conclude a Robecco sul Naviglio con il Tramonto in Jazz Jazz&Wine affidato a Adovabadàn Jazz Band.
Giovedì 31 l’apertura del festival sarà affidata alla prima data italiana del sestetto Touch And Go del promettente batterista californiano Vijay Anderson, mentre venerdì 1 giugno vedrà lo storico ritorno sul palco dell’Italian Instabile Orchestra, a più di vent’anni dalla sua formazione per celebrare una delle più importanti big band a livello mondiale e raccontare una storia unica. 
Chiuderà sabato 2 il primo fine settimana di concerti Ricardo Gallo, pianista colombiano che con il suo Cuarteto si muoverà tra tradizione e improvvisazione, con una formazione che può essere definita una all-star del paese latino-americano.
Giovedì 7 si riprende con le sonorità nordiche del progetto Dans Les Arbres, che presenterà il disco in uscita su etichetta ECM, mentre venerdì 8 giugno il collettivo afrobeat francese Fanga farà ballare la città, tra improvvisazione e ritorno alle radici africane. Chiuderà quindi il festival sabato 9 Nick Pride and the Pimptones feat. Snowboy: la band britannica porterà sul palco il proprio inconfondibile sound funk/jazz insieme a un ospite d’eccezione come il percussionista Snowboy, alfiere europeo dell’Afro-Cuban sound.
Novara Jazz non è solo concerti ma anche una serie di attività collaterali che lo rendono uno degli eventi più completi ed interessanti nel panorama jazz: jam sessions nei locali storici della città, workshop dedicati a musicisti ed appassionati come ai bambini, aperitivi al Broletto, concerti diurni per ascoltare e scoprire le migliori proposte delle giovani jazz band, afterhour per ballare e due mostre di livello internazionale tra Casa Bossi, riletta da Gian Maria Tosatti, e l’installazione di Roberto Masotti dedicata a John Cage alla Galleria BasexAltezza, che affiancherà una serie di concerti e performance a ricordare il grande musicista, da Casa Bossi a Oleggio.

Nessun commento:

Posta un commento