giovedì 26 aprile 2012

Riccardo Zegna e Fulvio Chiara a Finale Ligure

Domenica 29 aprile, alle ore 16 nell’Auditorium di Santa Caterina in Finalborgo, l’Università delle Tre Età di Finale Ligure, chiuderà in bellezza il suo diciannovesimo anno di attività accademica.
Un’attività che in questi 19 anni si è sempre più consolidata nelle sue peculiari caratteristiche: ampiezza delle proposte culturali e alto livello dei docenti che prestano il loro impegno. Anche le prolusioni e le chiusure di ogni anno accademico sono state sempre contrassegnate dall’ottimo livello dei protagonisti.
Quest’anno, si può dire che il livello sarà veramente “al top”, perché ai convenuti verrà offerto uno spettacolo musicale con due dei massimi esponenti del jazz italiano, ampiamente conosciuti e quotati anche all’estero. Riccardo Zegna e Fulvio Chiara – rispettivamente al pianoforte ed alla tromba – daranno prova ancora una volta della loro bravura e del loro appassionato amore “per la bella musica senza confini”.


Riccardo Zegna è un artista che non ama il divismo ed il presenzialismo, ma ha ben pochi eguali nella sua bravura pianistica (una delle sue ultime esibizioni è stata nel marzo di quest’anno al Carlo Felice di Genova, nientemeno che con Thelonius Monk) ed è all’attivo sulla scena musicale da ben 30 anni. 
Ha suonato con campioni indiscussi del jazz classico e del jazz moderno (basterebbe citare George Coleman o Enrico Rava). 
Ha partecipato innumerevoli volte al Festival “Umbria Jazz” e si è esibito in tutto il mondo. 
Fulvio Chiara si avvicina allo strumento fin da giovanissimo come autodidatta e dopo alcuni anni di esperienza nel campo della musica leggera dedica tutto il suo interesse al jazz. 
Ha svolto attività di free-lance collaborando con molti gruppi e artisti (Emanuele Cisi, Furio Di Castri, Flavio Boltro, Tullio De Piscopo, Romano Mussolini) e nel 2005 ha realizzato con il chitarrista Luigi Tessarollo un disco dedicato alla musica popolare piemontese. 
Attualmente, oltre a numerosi altri progetti, suona con la Torino Jazz Orchestra, con l'Orchestra Laboratorio del Conservatorio di Cuneo ed è docente di Tromba Jazz presso la scuola civica di Torino, presso l'Istituto Musicale Città di Rivoli e collabora come compositore e tutor presso il Dipartimento Animazione della Scuola Sperimentale di Cinematografia di Roma. 
Certa è la bravura dei due e indubbiamente certo sarà il successo tra il pubblico dell’Auditorium. 
Ingresso libero.

Nessun commento:

Posta un commento