venerdì 27 aprile 2012

Ada Montellanico - Suono di donna

E' appena uscito “Suono di donna” un album che esprime progettualità, eccellenza di pensiero, condivisione di intenti. È un atto d’amore verso la forza delle idee dell’universo poetico femminile. 
Ne è protagonista Ada Montellanico, una delle più importanti autrici e cantanti del jazz italiano, alla guida di una formazione dagli originali impasti timbrici: tromba, basso tuba, trombone, clarinetto basso, chitarra, contrabbasso e batteria. 


Grazie ai superbi arrangiamenti del grande trombettista Giovanni Falzone vincitore del Top Jazz 2011, questo insolito organico riesce felicemente ad esaltare i mille rivoli di una voce ambrata e vellutata. 
Una magnifica artista che mette in atto una sontuosa opera di destrutturazione e ricomposizione dei brani interpretati, per comporre un mosaico prezioso e luminoso. 
È una tessitura trasparente ed ariosa nella quale vengono sapientemente disposti i molteplici impasti timbrici di un organico di valore assoluto.
Suono di donna” è una gemma rara per il modo con cui la vocalist affronta in modo obliquo i vari orizzonti espressivi omaggiati per svilupparli policromamente sia sul piano ritmico che su quello melodico. 
È un progetto trasversale, che unisce mondi diversi e compositrici del calibro di Carla Bley, Joni Mitchell, Bijork, Maria Schneider e la stessa Montellanico. 
Emerge così un variegato songbook in cui si fondono improvvisazione e interpretazione, per porre l’accento su una modalità di espressione artistica così poco frequentata dal mondo femminile. 
Nella storia sono esistite molte grandi interpreti ma poche donne hanno avuto l’opportunità di comporre, arrangiare e dirigere un’orchestra. 
Da Carla Bley a Joni Mitchell e Maria Schneider, sono artiste straordinarie che hanno espresso attraverso il loro mondo musicale uno spirito di ricerca, di identità artistica ed umana. 
In un percorso sonoro avvincente costruito con eleganza e attenzione ai contrasti, svetta la palpitante espressività di una vocalist tra le migliori del panorama jazz europeo.

Nessun commento:

Posta un commento