sabato 31 marzo 2012

Musica ai Frari a Venezia

E’ ormai ufficiale: parte il prossimo 24 aprile la quinta edizione di “Musica ai Frari“, che continua a proporre prestigiosi concerti nell’incantevole Basilica veneziana, vero e proprio museo del Rinascimento italiano. Questa volta sono ben tre gli appuntamenti programmati. Con ancora nelle orecchie le suggestioni evocate dalle esibizioni di Michael Nyman, Enrico Rava e Jan Garbarek, solo per fare qualche nome, gli appassionati veneziani, ma non solo, potranno quindi presto apprezzare un trittico concertistico particolarmente gustoso e variegato. Con la collaborazione dell’Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Venezia e del circolo culturale Caligola, la Basilica dei Frari torna così al centro dell’attività musicale veneziana, e lo fa proponendo come al solito musica di elevata qualità artistica. 


Il primo concerto, in programma martedì 24 aprile con il Gurdjieff Folk Instruments Ensemble diretto da Levon Eskenian, è frutto della collaborazione con il Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena di Venezia, che animerà il mese di aprile della nostra città (sia il centro storico lagunare che la terraferma) con un’interessante iniziativa, “Omaggio all’Armenia – Costruire il Passato nel Presente” (ricordare-restaurare-archiviare nel mondo globale), che prevede a serie di incontri, conferenze e proiezioni cinematografiche, oltre che il concerto dei Frari naturalmente. 
Il gruppo strumentale armeno ha inciso l’anno scorso un importante disco per la prestigiosa etichetta tedesca Ecm, interamente dedicato a George I.Gurdjieff, uomo di cultura, figura spirituale e filosofo, oltre che musicista (1886-1949) attento alle tradizioni dell’area mediorientale.
La rassegna proseguirà quindi sabato 19 maggio con il più celebre ed importante fisarmonicista vivente, il francese Richard Galliano, protagonista in questo caso di una performance solitaria, che è da sempre una delle sue specialità, per chiudersi sabato 2 giugno con il suggestivo duo formato dal trombettista sardo Paolo Fresu e da Daniele Di Bonaventura, fra i maggiori specialisti italiani di bandoneon, la fisarmonica utilizzata nel tango argentino.
Per informazioni: www.caligola.it

Nessun commento:

Posta un commento