sabato 10 dicembre 2011

Dave Liebman & Marc Copland Live a Friburgo

L'emittente radiofonica svizzera Espace 2 ha trasmesso il concerto del duo composto da Dave Liebman e Marc Copeland, registrato dal vivo lo scorso 8 dicembre dal club La Spirale di Friburgo in Germania.
Considerato "l'uomo del Rinascimento" della musica contemporanea, David Liebman ha lasciato il segno sul mainstream e il jazz da camera, la fusion e l'avanguardia. Ha suonato con Elvin Jones, Miles Davis e Chick Corea, pubblicato numerosi testi riconosciuti come classici nel campo jazz, inciso un centinaio di album per proprio conto o da co-leader e partecipato ad almeno altri duecento. Il cinquantaseienne sassofonista e flautista brooklyniano, specialista (anche se non esclusivo) del soprano, ha contribuito a definire con Wayne Shorter e Steve Lacy la voce dello strumento.
Ammirato per l'inventiva e l'autorevolezza, e per la totale integrità e indipendenza, il profilo concertistico di Liebman è alto sia in patria che in Europa, ma il suo contributo sul piano pedagogico si estende a livello planetario. Nel 1989 fondò la International Association of School of Jazz, un network di scuole attivo in 35 Paesi. Concepita un po' come l'Onu, un po' come una multinazionale dell'apprendimento, la IASJ riconosce l'eredità del jazz come un immenso capitale culturale; la sua missione consiste nel reinvestire parte degli onesti profitti per il bene comune. Una dimostrazione del suo metodo didattico è in programma presso la scuola del Centro Jazz Torino.
Marc Copland rappresenta una delle non comuni figure di artista che a un certo punto della sua carriera cambia definitivamente strumento e ridisegna nuovi punti di riferimento estetico. Una storia insolita, che ha già raggiunto delle svolte soddisfacenti, anche se è prematuro parlare di lieto fine. Dopo un incisivo esordio come sassofonista elettrico nei primi anni Settanta, accanto a Chico Hamilton e a John Abercrombie, e un decennio di esplorazioni musicali e personali, Marc si reinventa pianista acustico. "Mi prese una vena lirica, che insorgeva dentro di me e di cui non mi ero accorto prima. Era così forte che mi conquistò del tutto, e non tanto perché fossi attratto dal pianoforte - sebbene abbia finito per amarlo".

Clicca su questo link per ascoltare questo splendido concerto.

Nessun commento:

Posta un commento