venerdì 28 ottobre 2011

Umbria Jazz Winter

Si svolgerà ad Orvieto la diciannovesima edizione di Umbria Jazz Winter: cinque giorni di musica, dal 28 dicembre al 1° gennaio, con più di cento eventi per un appuntamento diventato ormai tradizionale nel panorama del jazz italiano. 
Il Festival si svolge secondo una formula consolidata e di successo, affinata nel corso degli anni e centrata sul connubio tra turismo e spettacolo di qualità, con il valore aggiunto dell’ospitalità di una delle più belle città dell’Umbria, ricca di storia e cultura. Per non parlare della buona cucina e del buon bere. A legare questi tratti distintivi della manifestazione, resta il cartellone, che ogni volta propone soluzioni per tutti i gusti.
Orvieto, in particolare il suo centro storico, nei cinque giorni del Festival si trasforma in una cittadella della musica che offre suoni intriganti a ogni ora del giorno fino a tarda notte. Una città in festa, vivace e vivibile, allegramente confusionaria ma sempre serena e accogliente. 
Il filo rosso di questa edizione è la contaminazione tra i grandi nomi del latin jazz, Michel Camilo, Gonzalo Rubalcaba, Chano Dominguez con alcuni tra i migliori esponenti del jazz italico, Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Danilo Rea.
Il programma si muove tra collaborazioni inedite e progetti musicalmente innovativi, con l’intenzione di creare un giusto mix che possa essere apprezzato sia da appassionati e conoscitori del jazz, sia da spettatori non particolarmente avvezzi al linguaggio della musica afro-americana.
Location d’eccezione anche quest’anno il magnifico Duomo, progettato da Lorenzo Maitani e realizzato tra il Trecento e il Cinquecento, che fa da cornice nel pomeriggio di Capodanno alla Messa della Pace impreziosita e caratterizzata dalla presenza della musica gospel. Espressione e sintesi di culture e religiosità diverse che grazie alla musica si incontrano rendendo indimenticabile tale esperienza.
I concerti serali si svolgono al Teatro Mancinelli, inaugurato nel 1886, che offre la sintesi dei principali caratteri dell’architettura orvietana, al Palazzo del Popolo, realizzato in pietra basaltica e tufo, descritto la prima volta nel Duecento, al Palazzo dei Sette, eretto a cavallo del Trecento, caratterizzato da volte e archi possenti e affiancato dalla pregevole Torre del Papa, a Palazzo Soliano, al cui piano terra si trova il Museo Emilio Greco, con sculture e creazioni grafiche donate alla città dallo stesso.
Suggestivi anche la Sala del Carmine, una ex chiesa del 1300 facente parte del più vasto complesso del Carmine che comprendeva anche un convento e il Ristorante San Francesco, situato in un edificio che ospitò nel 1200 un convento francescano, location del gran cenone di fine anno la notte del 31 dicembre a suon di jazz e sede ideale dei jazz lunch e dinner.
A questo link potete scoprire il programma integrale del festival.

Nessun commento:

Posta un commento