domenica 18 settembre 2011

Intervista a Steve Grossman

Sul sito del quotidiano Il Resto del Carlino è stata pubblicata una bella intervista al sassofonista Steve Grossmann, presa a Bologna in occasione del concerto tenuto ieri sera. 
"HA LA VOCE breve, chiara come il volto, un po’ mistico e solitario, gli occhi e i concetti che esprime, così, alla mano, nella cucina della casa dove vive dalle parti di via Toscana. Steve Grossman, newyorkese del 1951, non parla da protagonista del jazz, quale invece è per carriera e per gli allori raccolti dal suo sax. L’uomo detesta apparire. Preferisce la vita placida del quartiere, due chiacchiere con il gelataio o con qualcuno al mercatino, lì a due passi. Sono ricordi. Aneddoti. Curiosità. Ma anche drammi di un’esistenza «che è stata per anni quella di uno zingaro del jazz, e che dal 1989, dopo due anni passati a Latina, mi vede stabilmente qui a Bologna».
Perché scelse la nostra città?
«Fui spinto da Alberto Alberti, l’uomo che ha portato il jazz a Bologna. Io qui avevo suonato nel 1972, con Elvin Jones, che nei primi anni ’60 era stato il batterista di John Coltrane. Alberti aveva carisma, amava il jazz e i musicisti, e di musica ne capiva».
Che cos’è successo dal ’72 all’89, prima che si fermasse qui? 
«Ho girato e rigirato il mondo in tournée. Europa, Stati Uniti, Sudamerica dove sono rimasto a lungo, Giappone, la Jugoslavia, i Paesi dell’allora Est comunista, suonando con Chet Baker, Michel Petrucciani, Cedar Walton, Dizzy Gillespie e altri big. Un ritmo frenetico. Avevo debuttato appena diciottenne con Miles Davis, prendendo il posto nel suo gruppo di Wayne Shorter. Ma di lì a poco Miles, a cui piacevano molto i soldi, si orientò verso la fusion. Fu così che io mi allontanai e scelsi la formazione di Elvin Jones, la pulsazione ritmica del jazz, l’hard bop, anche se più tardi Davis cercò di richiamarmi. Con lui avrei guadagnato molto meglio».
Chi ricorda di più tra i musicisti con cui ha suonato?
«Chet Baker era inarrivabile, a New York abbiamo abitato nella stessa casa».
Anche lui visse per un po’ a Bologna, dove il professor Lo Bianco, un appassionato di jazz, gli curò i denti distrutti dall’uso della droga...
"L’ho sentito dire, ma eravamo negli anni ’60, io ero un ragazzino».
Quando nell’89 arrivò a Bologna che cosa cercava?
«Dovevo fermarmi. Avevo già fatto per troppo tempo lo zingaro, da un capo all’altro del mondo, senza mai un punto fermo. Oltre ad Alberti mi aiutò nell’inserimento, Sandro Berti Ceroni — oggi il mio manager — che nel ’90 organizzò la rassegna ‘JazzBo’ a cui presi parte insieme, fra i tanti, a Steve Lacy e Art Taylor».
Che cosa sapeva della città?
«Niente. Solo dopo venni a sapere che era una città rossa. La trovai gradevole, comoda per gli spostamenti, un posto di provincia dove però arrivavano concerti, spettacoli, eventi internazionali. Ma ciò di cui io avevo bisogno era soprattutto guarire».
Ha voglia di raccontare?
«E’ presto detto. Alcol e droga. Avevo oltrepassato qualsiasi livello di guardia. Specie con l’alcol».
E come ha fatto a uscirne?
«Così», e intanto, nella cucina inondata di caldo e di sole, Steve brinda alzando un bicchiere colmo di acqua minerale naturale.
Quanto è stata dura?
«Il primo anno suonare senza bere fu un inferno. Ma allora realizzai che le droghe non ti fanno pensare, che ti fanno saltare il cervello.....».

Sul sito del quotidiano si può leggere l'intervista integrale.

Ecco un video del quintetto di Steve Grossman, che presenta Take the "D" Train live a Parma. luglio 2008

Nessun commento:

Posta un commento